DESIGN SPRINT
DESIGN THINKING
UI DESIGN
UX DESIGN
UX REVIEW
WEB DESIGN
EURYSTICS

Introduzione

.Obiettivi e scopo caso studio

Z

Cognitive walkthrough revision

Fornire una revisione di tipo “cognitive walkthrough” della piattaforma Starts basata su scenari d’esperienza utente (scenari individuati essenziali al raggiungimento degli obiettivi utente)
Z

User centered solutions

Fornire soluzioni user-centered alle criticità e inefficienze che impediscono agli utenti di raggiungere i loro obiettivi (che pregiudicano quindi il successo del progetto stesso)

Z

Conversion rate optimization

Incentivare le interazioni che portano al successo della platform attraverso il conseguente aumento di conversione, engagement e retention rate
Z

User tasks flows optimization

Incentivare il completamento veloce ed efficiente delle user tasks e diminuire la frustrazione incontrata dall’utente nel suo percorso di esperienza

Z

Overall look & feel make over

Migliorare la percezione complessiva della platform

.Risultati attesi e business goals

Per orientare correttamente l’analisi UX, consideriamo prima di tutto gli obiettivi chiave della platform.
Li utilizzeremo a loro volta per determinare le user personas (generative) di riferimento.

.Utenti chiave e user personas

Ci sono molti tipi diversi di utenti e come tali molti modi diversi per determinare cosa costituisce una user experience ottimale. Per definire le nostre personas ci siamo basati su 3 elementi chiave:

Ragioni per cui gli utenti target userebbero la piattaforma Starts

Ragioni per cui gli utenti target NON userebbero Starts

Problemi trasformabili in opportunità per Starts

Basandoci sugli obiettivi primari degli utenti nell’uso di Starts, abbiamo individuato quelli che sono i percorsi d’esperienza critici per il raggiungimento degli stessi. Abbiamo costruito un totale di 8 personas e circa 40 possibili user stories (mostriamo qui le più rilevanti per la UX review).

.Obiettivi utenti: domanda e offerta

Dallo studio delle personas e dei singoli obiettivi abbiamo identificato due principali direzioni nell’uso di Starts:

Valutazione “task-based”

.Percorso cognitivo e requisiti high-level

Il percorso cognitivo è un metodo strutturato per interpretare i comportamenti e i processi mentali degli utenti che utilizzano l’interfaccia senza formazione. Per far sì che l’utente riesca a raggiungere i propri obiettivi sarà necessario che:

Comprenda in cosa consiste Starts, quali vantaggi porterebbe l’utilizzo e la collaborazione con la community (attraverso la Home)

Possa inserire idee progettuali in maniera efficiente (attraverso la Nursery – ora Innovation Lab)

Si registri alla platform senza particolari ostacoli (attraverso la Registration Form)

Sappia sempre come orientarsi (attraverso la Navigazione)

Trovi ciò che sta cercando facilmente (attraverso la Search)

Possa ottenere un user matching efficiente grazie alla profilazione utente accurata

.Requisito 1A: User comprende in cosa consiste Starts

Obiettivo user task 1A

User capisce la value proposition/benefici

Area di riferimento

Home page

r

Esperienza utente pre-ottimizzazione UX

STEP 1
Arriva alla Home

STEP 2
Fa scrolling per avere info su platform

STEP 3
Cerca info su altre pagine

La Homepage non fornisce un’istantanea chiara dell’USP nè una panoramica dei contenuti, delle caratteristiche e delle funzionalità disponibili.

Non viene fornita un’introduzione e una panoramica della platform accompagnata da istantanee di sezione e contenuti esemplificativi.

Non è efficace nell’orientare e indirizzare gli utenti verso le action steps desiderate.

Gli utenti dovrebbero essere in grado di percepire dove devono andare per raggiungere lo scopo desiderato.

Non contiene grafica significativa

Le immagini non sono propriamente rappresentative della relativa sezione

.Requisito 1A: Soluzione proposta

USP che ricalca il concetto di “sinergia tra impresa e ricerca”, trasformazione delle idee e business del futuro

Essenziale CTA che invita alla registrazione prima di tutto

Rispondi alla domanda “chi sono gli users con cui potrei collaborare?”)

Mostra come la platform possa anche fungere da branding medium (più sei attivo più probabilità hai di stare in 1° pagina)

Altro suggerimento riguardo ciò che può fare Starts

Menzione del core di Starts: Innovation Lab (invece di Nursery, lo stesso nome ne suggerisce la funzione)

Altro selling point importante “aumenta le probabilità di finanziamento”

Personalizza la ricerca per user group (alternativa al tab: dropdown menu)

Accompagna utente attraverso la sua journey “Come possiamo aiutarti?”

Categorie di ricerca per visualizzare i settori presenti nella platform.

Ricerca guidata e consigliata

Sezione editoriale

Rispondono alla domanda “perché collaborare con la ricerca conviene?”

I posts periodici raccontano storie di successo nella community di Starts.

Benefici principali, per ognuno degli user group primari

.Requisito 2A: User si registra alla piattaforma senza ostacoli

Obiettivo user task 2A

User “Imprenditore” crea il suo account

Area di riferimento

Registration form

r

Esperienza utente pre-ottimizzazione UX

STEP 1
Arriva alla registration form

STEP 2
Inserisce la mail

STEP 3
Inserisce nome utente

STEP 4
Seleziona il ruolo

STEP 5
Inserisce nome azienda

STEP 6
Inserisce PI

STEP 7
Re-inserisce PI per confermare

STEP 3
Acconsente ai termini

STEP 4
Compila Captcha

STEP 10
Si registra su Starts

Proponi i ruoli prima di tutto, in modo che l’utente possa da subito visualizzare i campi che dovrà compilare

Racchiudi la help section in un box di contrasto, e assegnale più valore nella gerarchia dei contenuti. 

Sarebbe meglio far sì che l’email fungesse da username

“If you’re a University of Cagliari student enter the… ” Questa frase non dovrebbe apparire una volta che l’utente sceglie “Profilo Azienda”

Sconsigliato far ripetere all’utente una stessa info se l’informazione che è già stata fornita è ben visibile.

Sconsigliato l’uso del Captcha

I moduli devono essere convalidati prima dell’invio (Es. green border quando corretto, red quando sbagliato)

.Requisito 3A: Utente trova ciò di cui ha bisogno 

Obiettivo user task 3A

Azienda trova competenze mirate (es. Esperto GDPR) 

Area di riferimento

Search

r

Esperienza utente pre-ottimizzazione UX

STEP 1
Utente inserisce la parola chiave nella search bar e avvia
STEP 2
Nella pagina risultati filtra per “Professore/Ricercatore”
STEP 3
Clicca su uno di 15 search results
STEP 4
Accede al profilo che viene indicato tra i possibili esperti di GDPR

Utente non conosce le search options disponibili. 

Previeni l’errore fornendo categorie di ricerca (Es. dropdown menu con “Aziende/ Ricercatori/Pubblicazioni/ecc”)

Intercetta le intenzioni dell’utente con l’auto-filling

Utente “NON Ricercatore” non troverà d’aiuto avere i codici ERC. Proponi ERC come parametri/filtri di ricerca non primari.

Fai in modo che i risultati non attinenti alla search vengano omessi.

“Tipo di Contenuto” va scelto PRIMA di avviare la search (oppure deve avere una posizione di risalto – es. appena sotto la search bar).

Eliminare “ordine alfabetico” e sostituire con “Più Recente”, “Più Rilevante”, poi in seguito, idealmente “Più Citato”, “Più Letto” ecc.

Sostituire il contenuto alla sinistra con una barra laterale search parameters (in cui inserire appunto anche parametri ERC).

Personalizzare il profilo utente in modo da avere riferimenti precisi su competenze e obiettivi nell’uso di Starts.

.Requisito 3B

Obiettivo user task 3B

Effettua nuova search (da stessa results page) per nuovi risultati pertinenti

Area di riferimento

Search

r

Esperienza utente pre-ottimizzazione UX

STEP 1
Dal profilo di Carla M. torna ai risultati della ricerca precedente (filtrati per Ricercatore)
STEP 2
Decide di fare una seconda ricerca per  “consulenza legale” e non trova nessun risultato
STEP 3
Clicca su Home e cerca la stessa keyword nella barra search
STEP 4
Accede al profilo che viene indicato tra i possibili esperti di Data Privacy e GDPR

Search bar assente da pagina dettaglio, user clicca il “browser back button” e torna a risultati ricerca precedente. 

Fare in modo che la search sia sempre visibile. 

User deve poter fare il “clear” delle ricerche precedenti quando intende avviare una nuova search (o il sistema deve fornire risultati cumulativi) es: 

 

  1. User cerca “GDPR” > Sistema restituisce chip “GDPR” (sotto search bar) + chip “Clear All” – (e quindi i risultati)
  2. User cerca “Consulenza Legale” > Sistema restituisce:
  • (se l’utente non ha cliccato “Clear All”) risultati cumulativi tra risultati per “GDPR” e risultati per “Consulenza Legale” 
  • Quindi dovrà vedere 3 chips: “GDPR” “Consulenza Legale” e “Clear All (x)”
In riferimento al punto 2:

L’utente tenderà semplicemente a sostituire la precedente keyword con la nuova, e arrivare a risultati equivoci (es. Nessun risultato trovato)

In riferimento al punto 2 e 3

Nota: se l’utente ricerca la stessa parola dalla Home search il sistema restituisce 73 risultati. 

.Requisito 3C

Obiettivo user task 3C

Utente trova esperto GDPR attraverso la ricerca avanzata

Area di riferimento

Search

r

Esperienza utente pre-ottimizzazione UX

STEP 1
Utente sceglie la lingua, inserisce keyword e filtra per “Professore/Ricercatore” /avvia
STEP 2
Results page presenta 15 risultati legati alla query avviata e l’utente sceglie la prima (Carla Massidda)
STEP 3
Accede al profilo che viene indicato tra i possibili esperti di GDPR

Unire pagina Advanced Search con Results Page per risolvere la maggior parte delle problematiche legate alla search experience di Starts

Sostituire “Type” structure fornendo tutti i parametri disponibili su una barra filtri laterale (sinistra). 

Anche “Codici di Ricerca Primaria”, sono parametri di search, e come tali devono far parte della barra suddetta.

Unire le due pagine chiave per la Search significa che l’utente non dovrà per forza tornare indietro alla Search Page per l’avvio di ulteriori ricerche. 

Il filtrare in base ai parametri, eviterà spesso a priori la nuova ricerca stessa.

Notare dalle pubblicazioni che molto probabilmente il sistema sta dando risultati di ricerca errati. Molto probabile che invece di fornire risultati per “GDPR” acronimo, stia fornendo (anche?) risultati per “GDP”, che tradotto dall’Inglese significa “PIL”. 

(Es. soluzioni: dar modo all’utente di sapere che utilizzando le virgolette (“”) si cerca una corrispondenza esatta della frase)

.Requisito 4A: Utente può inserire idee progettuali

Obiettivo user task 4A

Utente crea un’idea progettuale legata alla diagnostica medica

Area di riferimento

Nursery (Innovation Lab)

r

Esperienza utente pre-ottimizzazione UX

STEP 1
Utente arriva alla dashboard, sceglie (IT), clicca “Nursery” e scrive il titolo della sua idea progettuale
STEP 2
Sceglie “Pubblicato” nel dropdown menu, e avvia la creazione
STEP 3
Viene rimandato alla dashboard, e quindi deciderà di cliccare sul alert box verde (sul titolo progetto), e tornare alla sua nursery
STEP 4
Sceglie nuovamente la lingua giusta , crea il progetto, poi clicca su “Modifica” e comincia a creare l’idea progettuale.
STEP 5
Aggiunge descrizione principale, desc. Alternativa e gruppo di riferimento
STEP 6
Aggiunge img relativa al progetto ma trova varie difficoltà quindi decide di lasciare l’immagine a dopo
STEP 7
Clicca su “Documento” e compila 2 campi uguali di titolo
STEP 8
Clicca su “Carica Doc” e cerca il file localmente. Trova difficoltà e decide di lasciare il doc a più tardi. Chiude modal.
STEP 9
Clicca su “Salva Nodo” per salvare documento (senza allegato)

Non viene esplicitato il significato di “Nursery”. 

Aggiungere un sub header con descrizione oppure considerare una terminologia più consona e familiare allo user group di riferimento (Innovation Lab?)

Non viene dato un limite ai caratteri del titolo. Dare un limite caratteri header di 70

Evitare di mandare l’utente ad un’altra pagina dopo la creazione del content type “Nursery”. 

User deve poter terminare la creazione del contenuto prima di essere indirizzato da un’altra parte.

La bozza dovrebbe essere salvata idealmente automaticamente (auto-save).

Evitare il cambio automatico da una lingua all’altra

La pagina principale di creazione “Nursery” non dovrebbe essere confinata sotto tab “Modifica”.

Le tab dovrebbero essere invece  usate per i diversi tipi di content type legati alla Nursery (Documenti/Tags/Ecc) 

Il richiedere un altro “titolo” nella pagina principale di creazione nursery è fuorviante e non in linea con UX best practices (visto che si tratta di titolo documenti in questo caso ma non è specificato).

In generale sarebbe consigliato usare una wizard per la creazione della nursery

Avere così tanti bottoni, tutti uguali, non aiuta l’utente a scegliere l’azione ideale a supporto del suo obiettivo.

 

Limitare il numero di operazioni che l’utente deve effettuare in un determinato momento ed usufruire del design per suggerire l’azione giusta da fare dopo.

Nota per il lettore:

Quando ci sono più passaggi in un flusso di esperienza, il sito dovrebbe far visualizzare chiaramente tutti gli steps che devono essere completati, e fornire un feedback sulla posizione corrente dell’utente.

.Requisito 5A: Utente sa sempre come orientarsi

Obiettivo user task 5A

Azienda trova competenze mirate (es. Esperto GDPR) 

Area di riferimento

Navigazione

r

Esperienza utente pre-ottimizzazione UX

STEP 1
Arriva alla Home

STEP 2
Effettua scrolling per capire quali utenti fanno parte della platform e come navigare attraverso l’offerta
STEP 3
Non trova nessun schema di navigazione da poter seguire.

Fornire un incipit chiaro e funzionale per spostarsi tra le pagine e le sezioni correlate e facilitare il ritorno alla home page

Lo schema di navigazione è difficile da trovare, poco intuitivo e incoerente.

Gli utenti dovrebbero essere in grado di localizzare e utilizzare molto facilmente lo schema di navigazione (ad es. menu a sinistra principale – anche con hamburger ma affiancato da label “Menu”, menu superiore degli strumenti, menu a schede/on page).

Usufruire degli obiettivi utente definiti per creare una navigazione user-centered e task oriented.

Dal menu dovrebbero essere facilmente accessibili tutte le pagine chiave della platform

.Requisito 6A: Profilazione utente accurata

Obiettivo user task 6A

Azienda trova matching ideale con esperto di GDPR

Area di riferimento

User Matching

r

Esperienza utente pre-ottimizzazione UX

STEP 1
Utente sceglie la lingua, inserisce keyword e filtra per “Professore/Ricercatore” /avvia

STEP 2
Results page presenta 15 risultati legati alla query avviata e l’utente sceglie la prima (Carla Massidda)

STEP 3
Accede al profilo che viene indicato tra i possibili esperti di GDPR

Purtroppo non essendoci stato un processo di profilazione adeguato iniziale, azienda e utente trovato non rappresentano matching corretto

Un match making corretto può avvenire soltanto con un onboarding, profilazione accurata di ogni utente e definizione rispettivi obiettivi

Gli users dovrebbero in onboarding selezionare la loro tipologia di utenza e personalizzare il profilo granularmente attraverso il process

Dovrebbero venire fornite potenziali categorie e tags da scegliere ma anche domande che aiutino a capire le finalità nell’uso di Starts

Le domande di profilazione dovrebbero anche fornire delle risposte precompilate che l’utente dovrà soltanto selezionare

Starts potrà a quel punto suggerire all’utente il percorso ideale al raggiungimento degli obiettivi primari dell’utente – Anche con suggerimenti personalizzati direttamente in dashboard

.Requisito 6A: Soluzione proposta

Match-making system per aziende e ricerca

Next steps

.Alcuni suggerimenti aggiuntivi

Z

Assicurarsi che le caratteristiche e le funzionalità soddisfino gli obiettivi e finalità comuni degli utenti (obiettivi identificati attraverso la user research)

Z

Facilitare l’ottenimento di assistenza e far sì che gli utenti possano rapidamente ricevere risposta

Z

Essenziale che l’utente possa fare una ricerca accurata ovunque si trovi nella platform

Z

Se l’utente non è registrato dovrebbe avere la possibilità di eseguire una ricerca avanzata, oppure essere avvisato del fatto che la ricerca avanzata può avvenire soltanto se registrato.

Z

Il sistema dovrebbe utilizzare un vocabolario familiare all'utente nell'esecuzione dei tasks. L’uso di termini come “Nursery” potrebbe confondere l’utente con poca conoscenza della lingua Inglese.

Z

Un termine come “Innovation Lab” (invece di Nursery) potrebbe essere più appropriato nel caso di Starts